Fino al 10 agosto poche piogge e quasi tutte sulle Alpi

Negli ultimi giorni sul comparto euro-mediterraneo si è instaurato un tipo di circolazione consueto in questa fase dell’estate, con i massimi di pressione che risalgono dalle latitudini subtropicali a interessare anche il Mare Nostrum e le perturbazioni atlantiche che sfilano a nord dell’arco alpino.

Queste condizioni sono pertanto favorevoli a tempo in prevalenza soleggiato e asciutto all’infuori dell’arco alpino che, lambito di quando in quando dalle code di queste perturbazioni, risente di una maggiore instabilità atmosferica (essenzialmente a carattere diurno) e quindi anche di una maggior probabilità di precipitazioni.

Nell’arco temporale della presente analisi, poniamo l’attenzione sul periodo che va da domenica 4 a domenica 11 agosto. Durante questo periodo l’unico “strappo” allo schema descritto potrebbe manifestarsi tra mercoledì 7 e giovedì 8 agosto, quando una possibile passata temporalesca potrebbe interessare non solo le Alpi, ma anche altri settori del nord Italia, come l’Appennino settentrionale e le aree padane, interrompendo temporaneamente il periodo asciutto pregresso. Nei prossimi aggiornamenti saremo più precisi a riguardo.

Nulla da segnalare per il resto dell’Italia, che se la passerà con tanto sole e nessuna precipitazione. Qualche isolato rovesci pomeridiano non è comunque da escludere sull’Appennino centrale, specie da metà settimana. Anche in questo caso approfondiremo se necessario.

Luca Angelini

Powered by Siteground