Ghiacciai europei in via di estinzione; i dati in questo grafico

Non che ci fosse bisogno di ulteriori prove o evidenze, ma è ormai chiaro a tutti quanto la rapidità del cambiamento climatico in atto stia mutando radicalmente l’assetto dei ghiacciai mondiali, in gergo tecnico, della criosfera. Focalizzando l’attenzione su casa nostra, nella fattispecie il continente europeo, questo impatto è particolarmente evidente e drammatico. Il grafico qui sotto (fonte Copernicus) illustra l’andamento della massa dei ghiacciai europei per ciascuna zona geografica. Il punto di partenza è il 1997; lungo l’asse verticale del grafico, sulla sinistra, sono indicate le variazioni delle masse glaciali espresse in metri equivalenti di acqua (m w.e.) o in tonnellate per metro quadro (t per sqm), due unità di misura equiparabili. Lungo l’asse orizzontale sono espressi gli anni corrispondenti alle rilevazioni.

Per quanto riguarda le nostre Alpi, emerge che dal 2018 ad oggi si stanno perdendo in media più di 25 tonnellate di ghiaccio su ogni metro quadrato, ovvero una colonna di acqua alta 25 metri su ogni mq. Un patrimonio idrico che in condizioni climatiche “normali” (ovvero soggette alla sola variabilità dei cicli stagionali) per le nostre latitudini si fondeva ogni estate per poi ricostituirsi ad ogni inverno successivo. Un patrimonio idrico invece definitivamente fuso e quindi da considerarsi ormai perduto.

Credit Luca RotaFonte dati IPCCMonitoraggio in tempo reale ghiacciai svizzeri Glamos

Report Luca Angelini