Giovedì 19 temporali al sud, allerta arancione in Campania

Come sappiamo, l’Italia si trova sotto l’azione di una vasta depressione alimentata in quota da aria artica marittima. A seguito della perturbazione transitata nella giornata di mercoledì, un ulteriore impulso freddo, coadiuvato da un minimo al suolo che si andrà approfondendo sulle regioni centrali, raggiungerà oggi, giovedì 19 gennaio, le nostre regioni meridionali. Questo causerà condizioni di spiccata instabilità atmosferica con frequenti annuvolamenti e anche la possibilità di rovesci a carattere sparso e intermittente.

I contrasti dell’aria fredda in quota con l’aria più temperata che sovrasta i nostri bacini meridionali e l’ulteriore forzante orografica indotta dalla catena appenninica che si frapporrà a sbarrare i tesi venti di Libeccio, innescheranno anche strutture temporalesche, le quali risulteranno più probabili, soprattutto tra la notte e la mattinata, sulla Campania e la Calabria tirrenica. Il rovesciamento dell’aria fredda ad opera delle precipitazioni comporterà anche un calo del limite delle nevicate fino a 800-1.000 metri.

A tal proposito il Dipartimento della Protezione Civile ha diramato allerta arancione per rischio idrogeologico sulla Campania, con interessamento in particolare dei seguenti settori: Piana Sele e Alto Cilento, Basso Cilento, Tusciano e Alto Sele, Penisola sorrentino-amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini, Piana campana, Napoli, Isole e Area vesuviana.

Luca Angelini