Giugno 2024: a memoria d’uomo mai così caldo nel mondo

Della situazione italiana abbiamo parlato in questo nostro precedente editoriale. Qui intendiamo invece approfondire la situazione relativa al resto del mondo. E se in Italia l’andamento meteo-climatico si è mostrato a due facce, nel mondo la direzione è univoca: le temperature puntano inesorabilmente verso l’alto. Nel mondo è stato infatti il mese di giugno più caldo di sempre.

Secondo i dati raccolti ed elaborati dal sistema Copernicus, mai a memoria d’uomo (ma soprattutto a livello strumentale) è stato rilevato un mese di giugno con temperature globali così elevate. Estate nell’emisfero nord o inverno in quello australe, terre emerse od oceani poco cambia.

Andando ad approfondire infatti è emerso che lo scorso mese di giugno 2024 è stato:

  • globalmente più caldo di qualsiasi giugno precedente registrato, con uno scarto di +0,67°C sopra la media del trentennio 1991-2020; +0,14 °C rispetto al precedente massimo registrato a giugno del 2023.
  • il tredicesimo mese di giugno consecutivo più caldo mai registrato;
  • lo scarto relativo alla media stimata di giugno 1850-1900 (periodo di riferimento preindustriale designato) è stato di +1,50°C, che lo rende il dodicesimo mese consecutivo ad aver raggiunto o superato la soglia di 1,5°C.
  • La temperatura media globale degli ultimi 12 mesi (luglio 2023 – giugno 2024) è la più alta mai registrata, con +0,76 °C rispetto alla media del periodo 1991-2020 e +1,64 °C rispetto alla media preindustriale del periodo 1850-1900. 

La temperatura media europea per giugno 2024 è stata di 1,57 °C superiore alla media di giugno del periodo 1991-2020, rendendo il mese il secondo giugno più caldo mai registrato in Europa. Le temperature europee sono state più al di sopra della media nelle regioni del sud-est e in Turchia, ma vicine o al di sotto della media nell’Europa occidentale (ivi compreso il nord-ovest dell’Italia), in Islanda e nella Russia nord-occidentale.

Fuori dall’Europa, le temperature si sono attestate su valori al di sopra della media nel Canada orientale, negli Stati Uniti occidentali e in Messico, in Brasile, nella Siberia settentrionale, nel Medio Oriente, nell’Africa settentrionale e nell’Antartide occidentale. Le temperature si sono invece attestate al di sotto della media nel Pacifico equatoriale orientale, indicando uno sviluppo di La Niña, ma le temperature dell’aria sull’oceano sono rimaste a un livello insolitamente alto in molte regioni. 

La temperatura media della superficie del mare (SST – vedi planisfero qui sopra) per giugno 2024 su 60°S–60°N è stata di 20,85°C, il valore più alto mai registrato per il mese di giugno. Questo è il quindicesimo mese consecutivo in cui la SST è stata la più calda nel record di dati ERA5 per il rispettivo mese dell’anno.

Fonte dati: Copernicus- ECMWF

Report Luca Angelini