27 October 2021

.

Innevamento emisfero, come siamo messi? Quanto freddo si prepara al Polo?

La stagione avanza. Arrivati a circa metà dell’autunno (meteorologico) si inizia a guardare avanti per capire che potenzialità si vanno predisponendo nella fabbrica del gelo sulla calotta polare. Per questo siamo andati a scorrere i dati (che potete consultare tranquillamente anche voi in questa apposita pagina) relativi allo stato dell’innevamento emisferico, in comparazione con la media e con gli anni precedenti.

Ebbene, possiamo dire di essere nei limiti di tolleranza della media. La superficie innevata sulla calotta polare è in linea con quella registrata negli anni 2000, che non è una media climatica (questa infatti presuppone periodi minimi di analisi par a 30 anni), ma è comunque un buon punto di riferimento per il nostro più semplice scopo di controllo. Inoltre c’è da osservare che secondo un indice predittore sperimentale noto come “Snow Advance Index – SAI“, la progressione dell’innevamento emisferico al ritmo attuale sembrerebbe correlata statisticamente ad un andamento piuttosto disturbato del Vortice Polare, il che propende per una maggior probabilità di discese fredde in direzione delle medie latitudini tra la fine dell’autunno e la prima parte dell’inverno.

Spetterà poi proprio all’inverno utilizzare o meno questa risorsa e tutto ciò che seguirà, statistica a parte, è un particolare che naturalmente al momento nessuno può sapere.

Luca Angelini