Italia “estrema”!

Se è risaputo che i fenomeni meteorologici stanno assumendo un andamento sempre più spinto, sia dal punto dell’intensità di fenomeni opposti che dal punto di vista della frequenza con la quale questi ultimi si manifestano, è palese che quest’anno l’Italia è un perfetto esempio di questo andamento.

Se andiamo infatti ad esaminare il contenuto di acqua nei sottosuoli del nostro Paese, si evince quanto impari sia la situazione che interessa i due capi della Penisola: gran secco su diverse aree del sud, con particolare riferimento alla Puglia, alla Basilicata e alla Sicilia (ma anche altre regioni come l’Abruzzo e alcune aree della Calabria e della Sardegna).

Vistoso surplus d’acqua invece sulla maggior parte delle regioni settentrionali, in particolare Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia. Si pensi che, secondo le rilevazioni glaciologiche esperite su alcuni apparati glaciali delle Alpi centro-occidentali, gli apporti di neve fresca degli ultimi mesi hanno portato ad accumuli che non si vedevano da ben 35 anni!

Ora però l’estate africana rischia di livellare tutto…

Luca Angelini