Le PIOGGE della settimana: dove, come e quando

Il gran sereno domina in queste ore non solo l’Italia, ma anche gran parte dell’Europa mediterranea, per mano di una potente figura di alta pressione. Nel corso della nuova settimana però questo imponente diaframma caldo subirà un netto ridimensionamento ad opera di correnti decisamente più fredde e instabili provenienti dal nord dell’Atlantico. La radice di queste correnti potrà pescare aria anche di parziale contributo artico, il che depone per l’innesco di una fase meteorologia che, con il passare dei giorni, si farà sempre più turbolenta.

Dunque, a partire da martedì 16-mercoledì 17 aprile avvertiremo un progressivo calo delle temperature (ma di questo approfondiremo per bene in un prossimo articolo), ma soprattutto ci troveremo a che fare con una scia di precipitazioni che, per la prima volta dall’inizio dell’anno, prediligeranno i versanti orientali della nostra Penisola e l’Adriatico.

L’animazione grafica qui sopra ci mostra la cronologia dei fenomeni, che si potranno presentare in forma sparsa e irregolare, talora anche sotto forma di temporale, con la prima irruzione attesa tra il pomeriggio e la sera di martedì. Nei giorni a seguire ulteriori impulsi si susseguiranno mantenendo il tempo per gran parte instabile e, oltretutto, tra giovedì 18 e venerdì 19 aprile, non è escluso che sulle aree appenniniche non possa scendere la neve anche fin sotto i 1.000 metri.

Rimarranno a questo giro ai margini invece il nord-ovest, la Toscana, il medio versante tirrenico e la Sardegna. La cartina qui sotto ci mostra la sommatoria della pioggia stimata per i prossimi 7 giorni, ovvero fino alle ore 24.00 di sabato 20 aprile, quando probabilmente il passaggio freddo avrà termine in favore di una nuova rimonta anticiclonica (da confermare).,

Luca Angelini