Le previsioni meteo per giovedì 22 e venerdì 23 febbraio

La pressione sul Mediterraneo è in diminuzione. Una vasta area ciclonica collegata al vortice d’Islanda si approssima al continente e, con due pulsazioni successive, interesserà anche l’Italia portando condizioni di tempo instabile per diversi giorni.

GIOVEDI 22 FEBBRAIO ultimi spazi di sole in mattinata al sud, poi le nuvole guadagneranno tutta l’Italia e al nord arriveranno anche le prime piogge, soprattutto lungo l’area alpina, prealpina, pedemontana e sulla Liguria. La quota neve sarà molto altalenante e variabile comunque attestata in un range compreso tra i 1.200 e i 1.500 metri. I venti si disporranno tutti dai quadranti meridionali e inizieranno a rinforzare portando ad un progressivo aumento del moto ondoso sui nostri mari, a partire dai bacini di ponente e dell’Adriatico centro-settentrionale. Con venti meridionali le temperature non potranno che rimanere attestate su valori al di sopra delle medie, anche se in lieve calo in quelli massimi del giorno.

VENERDI 23 FEBBRAIO tendenza a variabilità al nord-ovest, con aperture su Piemonte occidentale, Valle d’Aosta ed estremo Ponente ligure. Altrove tempo da instabile a perturbato, con precipitazioni frequenti e talora anche intense su Levante ligure, alta Lombardia, Triveneto, Toscana, Umbria e Lazio, moderate sulla pianura lombarda, Emilia-Romagna, Marche e Sardegna, a tratti assenti invece sul medio Adriatico e al sud. Il limite delle nevicate si attesterà mediamente tra 1.000 e 1.400 metri sulle Alpi, 1.300-1.600 metri sulle aree appenniniche. I venti saranno sostenuti meridionali, i mari molto mossi o agitati, le temperature stazionarie.

Luca Angelini