Le previsioni meteo per martedì 14 e mercoledì 15 maggio

La pressione sull’Europa occidentale è in diminuzione per l’approssimarsi di una perturbazione atlantica che raggiungerà le nostre regioni settentrionali. Al centro e al sud avremo condizioni di relativa alta pressione.

MARTEDI 14 MAGGIO al mattino schiarite su Alto Adige-Sud Tirol, su alcuni settori di Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, nord della Calabria e ovest della Sardegna. Su tutte le altre zone nuvolosità da sparsa a irregolare, più compatta sulle nord-occidentali e a cavallo dello Stretto di Messina dove ci potrebbe scappare anche qualche goccia. Nel pomeriggio rasserena su Puglia, Sicilia e Sardegna. Ancora nubi e schiarite in Alto Adige; si avranno invece annuvolamenti diffusi sul resto del nord, nelle aree interne del centro e sull’Appennino meridionale, dove non mancheranno anche rovesci sparsi, meno probabili in Liguria. In serata ulteriore peggioramento sulle regioni settentrionali, con intensificazione ed estensione delle piogge a partire dalle nord-occidentali, possibilità anche ad isolati temporali e nevicate sulle Alpi con quota limite intorno a 2.500 metri. I venti ruoteranno a Scirocco ma saranno ancora deboli, rientro da est in val Padana. Mossi l’Adriatico, lo Ionio, il Canale di Sardegna e il mar Ligure. Le temperature sono previste in lieve calo nei valori massimi al nord.

MERCOLEDI 15 MAGGIO tempo perturbato al nord con piogge diffuse e locali temporali. Nevicate sulle Alpi a partire da 2.500 metri. Su tutte le altre regioni condizioni di variabilità con ampi spazi soleggiati ad eccezione della Sicilia dove il cielo sarà più nuvoloso e dove potrebbe cadere anche qualche goccia di pioggia in mattinata. Nel pomeriggio schiarisce sull’Isola; si addensa invece la nuvolosità sull’Appennino centrale e sulla Calabria, dove non mancherà qualche acquazzone. Lo Scirocco soffierà soprattutto lungo l’Adriatico che sarà molto mosso. Le temperature per il momento rimarranno stazionarie o solo in lieve rialzo al sud.

Luca Angelini