Le previsioni meteo per venerdì 31 maggio e sabato 1° giugno

SITUAZIONE un fronte freddo, associato ad un minimo di bassa pressione al suolo sul nord Italia interessa le regioni nord-orientali, seguito da aria fresca che porterà ad un rinforzo del vento e a un calo delle temperature su Settentrione e Sardegna.

VENERDI 31 MAGGIO fenomeni soprattutto lungo la cresta delle Alpi, est Lombardia, Triveneto e settori più a nord dell’Emilia-Romagna. Su quest’ultimo settore potremo avere temporali anche forti. L’aria fredda al seguito sbiancherà le cime delle nostre Alpi a tratti anche fin sotto i 2.000 metri, specie sui settori posti più a nord. Sul resto dell’Italia avremo condizioni di lieve variabilità che alterneranno ampi spazi soleggiati a temporanei addensamenti che solo localmente potranno dar luogo a sporadici e brevi acquazzoni. Il vento rinforzerà su tutta l’Italia e porterà un generale calo delle temperature, soprattutto su Alpi e Sardegna. Possibile ingresso del Foehn in giornata sulle pianure del nord-ovest. I mari diventeranno tutti molto mossi o agitati.

SABATO 1° GIUGNO generali rasserenamenti in mattinata, ad eccezione delle Alpi orientali dove insisteranno gli ultimi rovesci, nevosi fino a 2.000 metri. Nel pomeriggio sviluppo di attività cumuliforme su Alpi, Prealpi e Appennino settentrionale con nuovi locali temporali possibili, in parziale estensione anche alle adiacenti fasce pedemontane, e quota neve che risale verso i 2.200-2.400 metri. Qualche sporadico acquazzone non è escluso anche tra Puglia, Basilicata e Campania. Per il resto abbastanza soleggiato e asciutto. Le temperature saranno piuttosto fresche per il periodo al nord e in Sardegna, mentre aumenteranno di qualche grado al sud, dove si porteranno al di sopra delle medie.

Luca Angelini