Le previsioni meteo? Vanno valutate a fine giornata

Dopo l’approfondimento su come imparare a valutare una allerta meteo (che è stato letto da pochissimi utenti….) un’altra buona regola che vi consigliamo vivamente di mettere in pratica, è quella di leggere con attenzione i bollettini di previsione (e non fermarsi ai titoli, alle figure o confondere un sito per un altro). Questo anche perché nei bollettini (almeno nei nostri e degli altri siti che forniscono prodotti professionali) vengono solitamente descritte le tempistiche della giornata, con suddivisione dell’evoluzione che, a seconda delle simulazioni calcolate dalla modellistica numerica, si prospetta distinguendo tra mattina, pomeriggio, sera e notte. In difetto si rischia concretamente di affacciarsi alla finestra alle 8 del mattino, vedere il sole quando era prevista pioggia o viceversa e rimanere spiazzati. E questo può recare danno alle nostre attività e ai nostri programmi.

Tenendo conto che comunque, tra previsione=simulazione e osservazione=realtà, ci sarà sempre una seppur minima differenza, dobbiamo imparare a prendere atto che il tempo al nostro risveglio può essere sensibilmente differente da come evolverà nella seconda parte della giornata. Dunque, prima di valutare, o peggio giudicare (a che tiolo poi…), il lavoro dei professionisti che quotidianamente si espongono fornendo un servizio puntuale, gratuito e indispensabile a tutti, ben diverso da un oroscopo, sarebbe opportuno quanto meno attendere la fine della giornata. E speriamo che questo approfondimento sia letto e tenuto in considerazione più del precedente! Grazie da tutto lo Staff di www.meteobook.it.