NEVE al nord-ovest: non ci sarebbe stata senza la mitezza estrema al sud

Sembra un paradosso (per non dire di peggio), tuttavia dal punto di vista fisico la nevicata che ha imbiancato il Piemonte si è originata grazie a due ben precisi passaggi: il primo causato dall’ingresso di aria artica che qualche giorno fa ha costruito un cuscinetto freddo sufficientemente tenace; il secondo dovuto al successivo sovrascorrimento di aria molto mite e umida di origine subtropicale. Quest’ultima, trasportata da correnti di Ostro/Scirocco, è la stessa che, al livello del suolo, ha invaso il nostro Meridione. Dunque, per capirci, la nevicata di ieri, 15 dicembre, a Torino non ci sarebbe stata senza i concomitanti 25°C di Palermo.

Quindi non pensiamo sia un evento strano; non è la dimostrazione di un tempo “pazzo”, ma è la più spettacolare spiegazione di come si originano le perturbazioni atmosferiche alle nostre latitudini: tramite lo scontro di masse d’aria dalle caratteristiche fisiche diverse. Più sono diverse, maggiori saranno i contrasti e più vistosi saranno gli effetti, diametralmente opposti come abbiamo visto.

Luca Angelini