NEVE di questi giorni sulle Alpi: bene ma guardate quanta ce ne vorrebbe per mandare in pareggio i ghiacciai!

Secondo le misurazioni di Meteotrentino, la neve che sta cadendo in questi giorni sulle Alpi ha una densità media di circa 300Kg/mc.

Questa neve, per via degli sbalzi di temperatura, è soggetta a continue trasformazioni di metamorfismo che la portano a fondersi in acqua e in parte, su ghiacciaio, a trasformarsi nell’arco di 3-4 anni in ghiaccio passando attraverso lo stadio intermedio detto “firn“; la densità finale del ghiaccio è circa di 900Kg/mc.

Ipotizzando che un metro (cubo) di neve possa trasformarsi in ghiaccio, senza che una goccia di acqua venga persa, quel metro cubo di neve a 300Kg/mc si trasformerà in uno strato di ghiaccio di spessore pari a circa 30 centimetri e del peso di circa 300Kg. Quanto durano 30 cm di ghiaccio sulla superficie del ghiacciaio?

Nelle calde giornate estive si possono assistere anche a perdite di 5-6 cm di spessore di ghiaccio al giorno; in altre parole significa che 30 cm di ghiaccio possono sparire anche in una sola settimana.

Questo spiega anche perché negli ultimi decenni i bilanci di massa sui ghiacciai delle Alpi sono negativi, ossia in perdita; significa che la quantità acqua sotto forma di neve che arriva al suolo è sensibilmente inferiore alla quantità di acqua che se ne va per fusione durante l’anno. Su alcuni ghiacciai si perdono anche 4 metri di spessore di ghiaccio.

Dunque, l’equazione, con le dovute approssimazioni, è presto fatta: se un metro di neve al suolo caduto questa settimana potenzialmente crea 30 cm di ghiaccio, e se di ghiaccio se ne perdono 4 metri all’anno, di metri di neve per andare in pareggio ne servirebbero tanti, almeno altri 12 nell’arco dell’anno ( sostanzialmente servirebbe un metro di neve fresca al mese….).

Nell‘immagine un momento di rilievo di neve primaverile al Ghiacciaio de la Mare nel Parco Nazionale dello Stelvio – Trentino

Credit: Commissione glaciologica SATSAT Società Alpinisti TridentiniAINEVACAI – Club Alpino Italiano

Report Luca Angelini