Nuova ondata di GELO in nord America, 16 gradi sotto media nella East coast

Saranno gli strascichi dell’ormai archiviato stratwarming, sarà per la presenza di un canale preferenziale di freddo, sarà per cause fortuite o per tutte queste cose messe insieme, fatto sta che in nord America stanno nuovamente battendo i denti.

Una pesante ondata di gelo polare, del tipo di quelle che vengono annunciate (e puntualmente smentite) sull’Italia dal solito manipolo di incompetenti, sta interessando quasi l’intero continente; ma qui è vera. Basti pensare che al momento solo i settori occidentali del Messico fanno registrare temperature sopra la media.

Per tutti gli altri è pieno inverno: alle 15.00 di lunedì 4 marzo si registravano ad esempio -14°C a Minneapolis e Chicago (minima notturna -17°C), -12°C a Kansas City e Denver (minima -18°C), –11°C a Calgary (minima -19°C), Minima a Montreal -14°C, a New York e Boston -6°C, a Dallas -5°C. Notevole lo sbalzo con le località caraibiche, dove alla stessa ora si registravano valori tra 24 e 27°C. Da qui i contrasti che hanno determinato la nascita di un serie di perturbazioni e dell’episodio tornadico estremo di lunedì in Alabama.

Luca Angelini