Nuova perturbazione in arrivo, ecco le PIOGGE attese tra giovedì e venerdì

Una situazione piuttosto complessa, che vede in quota la presenza di una vortice ciclonico in spostamento dal Mare del Nord verso la Germania per poi attraversare venerdì le nostre regioni settentrionali. Al livello del mare l’area ciclonica è delimitata da un sistema frontale che giovedì 30 maggio ondulerà sulle aree alpine per poi spezzarsi e generare un minimo sul golfo Ligure con annesso fronte freddo che venerdì 31 risulterà più attivo su quelle di nord-est.

La cronologia dei fenomeni seguirà un andamento irregolare che è rappresentato dall’animazione fornita qui sopra. Si noti che i rovesci saranno dapprima sparsi e di debole intensità, più probabili su Lombardia, Trentino, Veneto, Friuli Venezia Giulia e sui settori più a nord dell’Emilia-Romagna. Qualche fenomeno temporalesco e anche violento non è da escludere lungo l’asse padano centro-orientale.

Il momento più “delicato” di questo passaggio corrisponderà al transito del fronte freddo che avverrà tra la sera di giovedì 30 e la notte su venerdì 31 maggio, quando potremo assistere a fenomeni anche intensi e localmente grandinigeni sulle aree sopra citate. Gli accumuli stimati dal modello di nostro riferimento (vedi in fondo all’articolo) indicano accumuli di pioggia anche considerevoli tra l’est della Lombardia e il Triveneto, con punte anche fino a 120-130 millimetri di pioggia in 48 ore sul Friuli Venezia Giulia.

Nella notte su venerdì inoltre la quota neve scenderà sulle Alpi anche fin verso i 1.800-2.000 metri, con particolare riferimento ai settori centrali ed orientali. Al centro e al sud non si andrà oltre a qualche isolato rovescio, principalmente nelle ore pomeridiane e a carico delle aree interne e montuose. Seguiranno ulteriori dettagli. Continuate a seguirci.

Luca Angelini