Prima settimana di maggio: continua l’altalena delle temperature

Ancora evidenti sbalzi di temperatura sono in previsione per la prima settimana di maggio. Il rapido avvicendarsi di masse d’aria provenienti da luoghi molto diversi, in seno ad onde atmosferiche alquanto sviluppate lungo i meridiani, ci darà modo di apprezzare condizioni meteo-climatiche sensibilmente diverse da un giorno all’altro. Un contributo determinante lo darà anche l’eventuale presenza o assenza di nuvolosità.

Il grafico proposto qui sopra ci mostra l’andamento medio delle 50 previsioni calcolate dal modello inglese ECMWF, dal quale si evince l‘attuale scaldata, cui seguirà tra il 2 e il 3 maggio un deciso calo con i valori che si porteranno per circa 24-36 ore al di sotto delle medie, salvo poi risalire repentinamente al di sopra entro il 4-6 di maggio.

Il risultato finale, mediato sui primi 7 giorni del nuovo mese, lo possiamo apprezzare dalla mappa in fondo all’articolo: a conti fatti la prima settimana di maggio trascorrerà in condizioni di temperatura che, considerata la somma tra le anomalie positive e negative, si attesteranno attorno ai valori medi del periodo o appena inferiori sulle nostre regioni settentrionali, la Toscana e la Sardegna.

Luca Angelini