Protezione Civile: la Direttiva di allertamento compie 20 anni

La scienza al servizio della Protezione Civile: qual è il suo ruolo nel sistema di allertamento? E quale quello dell’intelligenza artificiale?

Ricorrono il 27 febbraio i vent’anni dall’emanazione della cosiddetta “Direttiva di Allertamento“, la direttiva che diede origine al sistema di allertamento, basato sulla rete dei Centri Funzionali, che nel nostro paese garantisce le attività di previsione e monitoraggio per eventi meteorologici, idrologici e idrogeologici, permettendo di definirne specifici livelli di allerta e mettere in campo le adeguate misure di prevenzione e protezione, compresa l’informazione alla cittadinanza.

“Questo rappresenta uno dei pochi casi in cui il contributo scientifico è inserito in modo diretto ed esplicito all’interno di una direttiva, perché definisce il ruolo dei centri di competenza anche in termini di supporto alle conoscenze e per sviluppo, miglioramento e aggiornamento dei molti strumenti utilizzati nel sistema di allertamento”, spiega il nostro ricercatore Luca Molini. Lo sviluppo tecnologico e scientifico per modelli previsionali, ma anche per le necessarie fasi di monitoraggio e sorveglianza dei fenomeni, sono infatti elementi chiave per l’implementazione dell’attuale sistema di allertamento.

Per ulteriori approfondimenti:  Fondazione CIMA