Siccità, ecco cosa cambierà nei prossimi giorni

Sono in arrivo le sospirate piogge, ma la situazione che versa su alcune zone d’Italia è decisamente pesante. Ci vorranno mesi per ripianare il grave deficit idrico. Guardate qui sopra (clic per aprirle l’immagine), come versa ad esempio l’angolo nord-occidentale dell’Italia secondo il CNR, un deficit che deriva da diversi tipi di siccità.

1) la siccità meteorologica certamente (negli ultimi 3 mesi le precipitazioni sono state inferiori alla media su molte zone, vedi cartina in alto, clic per aprirla).

2) la siccità idrologica, come conseguenza del punto n.1 le riserve idriche delle falde e nei laghi sulle stesse zone è inferiore alla norma.

3) la siccità agricola, che inizia a manifestarsi ora che le temperature si sono alzate su livelli primaverili e il ciclo vegetativo stagionale è all’inizio.

Ebbene come cambierà questo stato nei prossimi giorni?

L’arco temporale stimato è quello relativo alla prima settimana di aprile. La figura qui sopra, elaborata dal NCEP americano, ci mostra come cambierà il contenuto di acqua nei suoli: come si può vedere si avrà finalmente un miglioramento, grazie alle piogge ormai prossime che consentiranno ai terreni di incamerare acqua e di mantenersi umidi via via sempre più in profondità.

Non sarà una situazione risolutiva, come abbiamo detto, ma di sicuro un primo importante passo.

Luca Angelini