Storia del clima: i sei mesi di siccità che colpirono il nord Italia nel ‘700

Dopo le piogge autunnali di Novembre 1778, per il nord Italia iniziò un lungo periodo di siccità. In particolare, a Milano la mancanza di acqua durò quasi sei mesi. L’ inizio dell’ inverno meteorologico portò qualche pioggia di poco conto e dalla metà di Dicembre iniziò un lungo periodo asciutto contrassegnato dalla presenza quasi costante di alte pressioni. Un fortissimo campo anticiclonico (1045hPa) con perno nei pressi delle Isole Britanniche si impose in particolare nei giorni di Natale, e nel periodo successivo raggiunse valori elevatissimi anche sull’Italia (1035hPa).

Complessivamente nel mese di Dicembre a Milano caddero solo 19,8 millimetri di pioggia. Ma il mese più avaro di precipitazioni fu Gennaio; in tutto il mese non cadde una goccia di pioggia. Il passaggio di alcune depressioni, produsse solo vento da nord, e quindi fu il Gennaio più asciutto del ‘700. Febbraio non fu da meno, sempre tempo asciutto, cadde solo 1,8 mm. I cittadini di Milano speravano che la primavera portasse la pioggia, ma non fu così. In Marzo caddero solo 6 mm di pioggia, nonostante il passaggio di una depressione molto profonda intorno al 19/20 Marzo. Anche Aprile fu avaro di pioggia, caddero solo 9,7 millimetri, e cosi si arrivò a inizio di Maggio con un intensa siccità. Ma da Maggio la situazione incominciò a sbloccarsi; in quel mese caddero 64,7 millimetri, poi in Giugno ritornarono piogge abbondanti, con ben 118, 3 millimetri. Complessivamente nel 1779 a Milano si registrarono 787 millimetri di pioggia.

Credit: Storia del Clima – Report Luca Angelini