Storica tempesta geomagnetica in atto, aurora boreale visibile anche dall’Italia!

In queste ore è in atto una tempesta geomagnetica di magnitudo estrema. Erano almeno 20 anni che il vento solare non trasportava così tanta energia dalla nostra Stella. L’area del brillamento solare denominata ” AR3664” ha prodotto diverse bolle di plasma incandescente. In particolare due eruzioni a catena hanno emesso verso lo spazio una immane quantità di energia che sta ora raggiungendo anche la Terra.

L’urto della massa della CME con il campo magnetico terrestre ha innescato una potente tempesta geomagnetica, etichettata in classe G4 (severa). In queste condizioni la magnetosfera reagisce e produce il fenomeno luminescente noto come “aurora polare“. In queste condizioni le aurore si possono osservare in tutta Europa anche a latitudini molto meridionali, ad occhio nudo anche dall’Italia e, con opportuni strumenti, persino a latitudini subtropicali. Occhi puntati all’insù quindi questa sera che, grazie anche alla prevalenza di cieli sereni, promette bene riguardo l’osservazione di tale raro fenomeno.

Ma accanto al lato affascinante del fenomeno c’è anche il rovescio della medaglia: una tempesta geomagnetica estrema significa che nei Paesi più a nord, come Scandinavia e Canada, sono scattati i protocolli di protezione delle reti elettriche e delle infrastrutture critiche che più rischiano di essere danneggiate dalle condizioni geomagnetiche in corso. Le comunicazioni HF, VHF e UHF sono difficoltose, così come la navigazione utilizzando i satelliti GPS.

Le condizioni di disturbo sono destinate a durare ancora alcune ore, man mano che la tempesta supera il nostro pianeta, e la regione AR 3664 potrebbe ancora produrre eruzioni e brillamenti significativi.

Report Luca Angelini