Temperature: quasi ovunque sotto media per un’altra settimana

Sembra un paradosso ma fa più freddo in questa prima parte di marzo rispetto a quanto ne abbia fatto negli scorsi mesi di gennaio e febbraio. La persistenza di una situazione bloccante, con un alta pressione anomala a cavallo della penisola Scandinava, indice le correnti a intraprendere una componente di moto retrograda, ovvero da est, piuttosto che da ovest come di norma dovrebbe avvenire.

Provenendo da est, queste correnti trasportano l’aria che si è raffreddata durante l’inverno sui territori dell’Europa orientale fino alla Russia. Aria continentale, quindi fredda e asciutta, caratteristiche che le conferiscono una notevole densità inducendola a rotolare pian piano, strisciando appoggiata ai bassi strati verso il Mediterraneo. Ecco spiegato il perché delle attuali temperature sotto media, appena mitigate nelle ore centrali del giorno per il soleggiamento ormai deciso di marzo.

Il flusso freddo si interromperà temporaneamente tra mercoledì 9 e venerdì 11 marzo, salvo poi riprendere con una nuova pulsazione a cavallo del weekend, quando torneremo ampiamente al di sotto della media su tutta l’Italia restandoci probabilmente fin oltre la metà del mese.

Luca Angelini