Temperature: un po’ di “sana” normalità

In un periodo dove le anomale si sprecano, un po’ di normalità non può far altro che indurci ad un sospiro di sollievo. E’ vero che, in meteorologia, le anomalie sono la regola, ma è anche vero che anomalie sempre e troppo sbilanciate solo da un lato, sono il vero problema, nella fattispecie anomalie sempre orientate verso il caldo.

Un problema che non ci interesserà la prossima settimana quando il ripristino, ormai conclamato, delle correnti atlantiche, favorirà l’afflusso alternato di masse d’aria perfettamente in linea con la climatologia del periodo autunnale. Sull’Italia infatti si avvicenderanno rapidamente masse d’aria moderatamente fredda polare marittima ad altre intermedie, sempre di natura marittima. Questo non farà altro che mantenere il quadro termico entro il range medio che si conviene nella terza decade di novembre.

Ovviamente questo avvicendarsi porterà anche allo scontro delle stesse masse d’aria con nascita di perturbazioni, la più intensa delle quali ci interesserà nella giornata di martedì 22 novembre. Rimanete sintonizzati, perché nei prossimi editoriali approfondiremo adeguatamente proprio quest’ultimo passaggio, che pare riservare una fenomenologia di tutto rispetto.

Luca Angelini

  1. Canale Meteo Youtube
  2. Canale Montagna Youtube