Valle d’Aosta: l’inverno è adesso

Ma quanta ne viene giù? No, non stiamo parlando della pioggia, che per altro sta facendo saltare il banco su gran parte delle nostre regioni settentrionali, ma della neve. Neve che sta orlando le nostre Alpi fino a 2.000 metri ma, come nel caso della Valle d’Aosta (guardate i video che vi abbiamo proposto a corredo di questo articolo), anche più in basso. Fiocchi a Gressoney (1.800 metri) e a Champoluc (1.560, senza attecchimento qui). Secondo il servizio meteorologico regionale VDA ad una quota i 2.500 metri si misura mediamente uno spessore di 3 metri e mezzo di neve.

Neve fitta ormai da settimane, su quelle piste che per gran parte dell’inverno reclamavano la neve vera, potendo contare invece solo sui cannoni. Ma quando si mette in un certo modo le stagioni possono anche sovvertire il loro andamento; non che sia così strano avere la neve fin sotto i 2.000 metri a maggio nelle Alpi sia chiaro, ma un conto sono singoli episodi, e un conto è proprio una stagione intera slittata in avanti di due mesi.

E, parliamoci chiaro: non è un bene questo andamento irregolare del clima, tuttavia per le nostre montagne questo inverno tardivo è indubbiamente un tocca sana e quindi prendiamolo come viene. Insomma siamo nella seconda metà di maggio ma lassù l’inverno è adesso.

Primo video: località Crest – Champoluc – 1.980m (comune di Ayas (AO)

Secondo video: località Gabiet – Gressoney – 2.350m

Luca Angelini