Venerdì 19 nuova ricaduta del tempo, specie su nord-ovest, Toscana e Sardegna

Una saccatura in quota pone il suo minimo di altezza geopotenziale all’altezza delle Isole Baleari, mentre al livello del mare si sviluppano due distinti minimi di pressione: uno nei pressi della Sardegna e l’altro nell’entroterra tunisino. Entrambi concorreranno, seppur con tempistiche diverse a determinare il tempo sull’Italia tra venerdì 19 maggio e il weekend.

VENERDI 19 MAGGIO schiarite su Puglia, Basilicata, Calabria ed est Sicilia. Altrove nuvolosità tra irregolare ad estesa. Tendenza a sviluppo di precipitazioni, dapprima sparse e intermittenti, poi più estese e continue, su Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Liguria, Emilia occidentale, Toscana e Sardegna. Fenomeni anche abbondanti nel pomeriggio su Piemonte e Ponente ligure. Sul resto dell’Emilia-Romagna e del centro qualche pioggia possibile ma intervallata da prolungate pause asciutte. In serata intensificazioni delle piogge sulle centrali tirreniche; qualche pioggia arriverà anche sulla Sicilia. Nevicate, anche abbondanti, sulle Alpi occidentali a partire da 1.800-2.000 metri, più moderate al di sopra dei 2.200 metri sui settori lombardi. Ventilazione ovunque orientale, generalmente moderata ma con rinforzi su Calabria e Sicilia. Mari mossi, con moto ondoso in ulteriore aumento sullo Ionio che, in serata, diverrà agitato. Temperature in lieve flessione nei valori massimi al nord-ovest, in moderato aumento al sud.

SABATO 20 MAGGIO tempo instabile con nubi e rovesci sparsi su tutte le regioni, in un contesto ventoso e con mari meridionali agitati.

Luca Angelini