Venerdì prime piogge in arrivo, ecco dove

La vasta area perturbata che dall’Atlantico si è spinta fin sull’Europa occidentale sta ora mettendo radici anche sull’Italia. Le prime regioni a venire gradualmente interessate dalle piogge saranno oggi, venerdì 9 febbraio, quelle settentrionali e la Toscana.

Come sempre accade però, soprattutto quando i venti meridionali che caricano di umidità l’atmosfera sono così veloci, le precipitazioni saranno distribuite in forma poco omogenea. Risulteranno più frequenti e generose a ridosso delle aree montuose, quindi Alpi e Prealpi, ma anche lungo l’arco ligure, che fa da sbarramento diretto allo Scirocco in arrivo dal mare, e anche sull’alta Toscana. Su queste aree il modello di nostro riferimento ci indica per venerdì valori di accumuli anche fino a 35-40 millimetri d’acqua nelle 24 ore. Fenomeni più modesti o a tratti anche del tutto assenti, sulla bassa Padana, sull’Emilia-Romagna e sui rimanenti settori della Toscana, dove si stimano accumuli compresi tra 0 e 5 millimetri nelle 24 ore.

Data l’irruenza dei tiepidi venti di Ostro e Scirocco, il profilo delle temperature si manterrà elevato e, con esso, anche il limite dello zero termico e quello delle rispettive nevicate: tale limite, per quanto piuttosto altalenante e differente da zona a zona, si attesterà mediamente sulle Alpi tra i 1.300-1.500 della mattinata ai 1.400-1.700 metri del pomeriggio, anche fino a 2.000 metri sulle Prealpi e sulle cime più elevate dell’Appennino settentrionale.

In mappa sono esposti gli accumuli di pioggia calcolati dal nostro modello per venerdì 9 febbraio.

Luca Angelini