Inverno KO? Gli elementi che ce lo fanno pensare

Un sussulto iniziale e poi quasi più nulla; l’inverno 2021/22, dopo aver imboccato una strada senza uscita, sembra sia votato ad un destino scialbo e anonimo. Se fino ad ora infatti la circolazione dei bassi strati ha subito diversi blocchi a causa della particolare velocità di fase delle onde planetarie, nelle prossime settimane risentirà di un evidente condizionamento proveniente dalla stratosfera. Il vortice Polare Stratosferico, molto freddo e profondo, tenderà ad estendere la sua influenza ai bassi strati andando a concentrare tutto il potenziale freddo alle alte latitudini. La fascia anticiclonica subtropicale sarà così costretta ad espandersi risalendo verso nord quel tanto da mettere in difficoltà l’inverno alle nostre latitudini.

L’ipotesi scaturisce da particolari studi statistici (Baldwin and Dunkerton – 2001) e, pur non costituendo di per sé una vera e propria previsione, pone le basi per una fonte di predicibilità da non trascurare. Dovesse effettivamente andare in porto questo disegno generale, si spera almeno in una apertura della porta atlantica atta a favorire la ripresa delle piogge, che mancano ormai da troppo tempo su diverse zone dell’Italia. Vi sapremo dire più avanti.

Luca Angelini