Le previsioni meteo per giovedì 12 gennaio

Veloci correnti nord-occidentali convogliano aria di origine atlantica a tratti umida, che pilota verso l’Europa diverse perturbazioni in sequenza. Di queste ultime solo le propaggini più deboli e periferiche tendono ad interessare l’Italia.

GIOVEDI 12 GENNAIO una debole perturbazione porta in mattinata nubi e qualche rovescio al sud (soprattutto sulla Campania, sulla Calabria e sul nord della Sicilia), ma in via di cessazione e con successiva graduale apertura di schiarite. Più aperto al centro-nord e sulla Sardegna, ma con successivo nuovo aumento della nuvolosità dalla tarda mattinata al nord per l’approssimarsi degli avamposti della seconda perturbazione, la quale però si limiterà a qualche occasionale spruzzata di neve oltre i 1.000 metri lungo i confini alpini. I venti rinforzeranno temporaneamente dai quadranti settentrionali, i mari meridionali saranno molto mossi, mentre quelli settentrionali poco mossi o mossi al largo. Le temperature non subiranno variazioni di rilievo.

VENERDI 13 GENNAIO la stessa perturbazione, ulteriormente indebolita, estenderà i suoi banchi nuvolosi su nord-est e centro-sud ma, anche in quel caso, senza portare fenomeni degni di nota (qualche goccia forse tra Campania e Calabria tirrenica). Rasserena intanto su nord-ovest, Toscana e Sardegna e, nel corso del pomeriggio, anche sul resto del centro. Venti e mari si tranquillizzano e le temperature rimangono sui valori attuali.

Luca Angelini