Le previsioni meteo per il weekend del 10-11 febbraio

L’Europa e il Mediterraneo vengono investiti da un’ampia figura di bassa pressione che invia anche verso l’Italia diversi corpi nuvolosi in sequenza, preceduti da intensi e tiepidi venti di Scirocco.

SABATO 10 FEBBRAIO perturbato su gran parte dell’Italia: avremo nuvolosità estesa e alta probabilità di precipitazioni un po’ su tutte le regioni, pur con gli opportuni distinguo generati dall’interferenza del vento con la complessa orografia del nostro Paese. I forti venti di Scirocco andranno ad addossare il grosso dei fenomeni lungo le aree montuose esposte, quindi Alpi, Prealpi, arco ligure e settori tirrenici, mentre apporti nel complesso minori si potranno avere sul medio e basso versante adriatico. Quota neve compresa mediamente tra i 1.500 metri delle Alpi, i 1.800 metri sulla fascia prealpina e sull’Appennino settentrionale, anche fino a 2.000 metri sui restanti apparati montuosi del centro e del sud. Il vento forte meridionale, oltre a trasportare aria mite e a mantenere le temperature su valori al di sopra delle medie, darà luogo anche a condizioni di mari agitati, con possibilità anche di locali mareggiate, oltre all’acqua alta sulla laguna veneta.

DOMENICA 11 FEBBRAIO altra giornata fortemente instabile, con elevata probabilità di precipitazioni, per quanto un po’ più discontinue, specie lungo il versante adriatico e sull’estremo nord-ovest (e anche sull’est della Sardegna), dove ci saranno diverse pause asciutte. La quota neve in Appennino si allineerà a quella delle Alpi, attestandosi intorno a 1.400-1.600 metri. I venti saranno sempre sostenuti meridionali, ma tenderanno a ruotare da nord-ovest sulla Sardegna. I mari saranno agitati, ma con moto ondoso in calo sul mar Ligure, il tirreno settentrionale e l’Adriatico settentrionale. Avremo poi un lieve, generale calo delle temperature.

Luca Angelini