Zero termico: balzo a oltre 4mila metri!

Potrebbe essere considerato un fatto normale in pieno luglio, ma non certo ai primi di ottobre. Fatto sta che la potente compressione indotta dalla cupola anticiclonica in rinforzo sull’Europa occidentale produrrà un notevole riscaldamento della massa d’aria in arrivo sul Mediterraneo (già calda di suo perché di origine subtropicale). I risultati si apprezzeranno (si fa per dire) soprattutto in quota. Pensate che, come vi avevamo anticipato nel nostro ultimo VIDEO meteo, l’isoterma di zero gradi, meglio nota come quota dello zero termico, balzerà di colpo oltre i 4 mila metri su quasi tutta l’Italia. Si sfiorerà addirittura la quota di 5mila metri sulla verticale delle nostre Isole Maggiori. Un salto di 2mila metri in 48 ore!

Anche una fetta delle Alpi, quella che comprende i settori occidentali risentirà di questo repentino riscaldamento in quota, tant’è che il limite dello zero termico dovrebbe sovrastare alla quota di 4 mila metri le cime delle Marittime, Cozie, Graie e Pennine. Sarà un evento che interesserà la giornata di oggi, domenica 2 ottobre, e forse anche quelle di martedì 4 e mercoledì 5 ottobre, e questo riduce in parte l’anomalia, almeno per quanto riguarda la durata, fermo restando quella relativa agli insoliti valori di temperatura.

Luca Angelini