9-12 febbraio; cambiamento confermato, ecco dove pioverà di più e dove di meno

Giungono conferme riguardo il cambio di impostazione dello stato del tempo sul bacino del Mediterraneo nel corso dei prossimi giorni. Artefice delle piogge in arrivo sarà una saccatura di origine atlantica che, in concorso con una corrente più fredda proveniente dal nord Europa, darà vita ad una perturbazione sviluppata inizialmente tra le Isole Britanniche, la Francia e la penisola Iberica.

L’affondo del vertice della saccatura fino in prossimità delle Canarie, darà vita ad una risposta mite e umida meridionale che investirà l’Italia nel corso della giornata di venerdì 9 febbraio. Ne risulterà una coperta di nubi che, spinte in quota da forti venti di Scirocco, porterà le prime piogge sulla Liguria, le zone alpine e prealpine.

Sabato 10 le piogge si estenderanno a gran parte del nord, alle regioni centrali tirreniche, alla Campania e alla Sardegna fino a estendersi in serata anche alla Sicilia. Domenica 11 il tempo risulterà instabile su gran parte dell’Italia ma la maggior probabilità di pioggia si dovrebbe avere al sud, così come nella successiva giornata di lunedì 12, pur con fenomeni in successivo esaurimento. A fine evento, Liguria, Alpi, Prealpi e le regioni del versante tirrenico saranno le zone che riceveranno gli apporti piovosi maggiori. Più scarsi invece questi ultimi risulteranno sulla pianura Padana centro-orientale e lungo tutto il versante adriatico.

Nei prossimi aggiornamenti vi forniremo maggiori e più precisi dettagli. Intanto qui sotto in mappa è rappresentata la cronologia dei fenomeni.

Luca Angelini