Fine della CANICOLA anche al sud

Apriamo questo editoriale con una buona notizia: anche il sud vedrà oggi, domenica 23 giugno, la fine dell’ondata di caldo africano che da giorni aveva tormentato tre quarti dell’Italia. L’inserimento di una goccia fresca di origine atlantica andrà a ricacciare al mittente l’aria opaca e irrespirabile che da giorni affliggeva soprattutto il centro e il sud.

Mentre al nord e al centro saranno i temporali ad agevolare questa rinfrescata, al sud e sulla Sardegna (dove il fresco a dire il vero è già arrivato) il calo delle temperature si manifesterà, regione dopo regione, con un rinforzo di venti settentrionali, con precipitazioni scarse o assenti. Ad un miglioramento della qualità dell’aria contribuirà anche un netto abbattimento del tasso di umidità, una sorta di effetto climatizzatore che renderà le temperature di giugno certamente più vivibili.

Questa azione, per così dire, “refrigerante“, che porterà i valori ad attestarsi intorno alle medie, o appena al di sotto, stazionerà a cavallo dell’Italia almeno fino a mercoledì 26 giugno. Da giovedì 27 sembra profilarsi una ripresa del campo termico a partire dalla Sardegna, ma con conseguenze ancora tutte da valutare.

Qui sopra vi forniamo l’animazione che rappresenta il ricambio d’aria a 1.500 metri di quota, livello scelto per individuare le caratteristiche della nuova massa d’aria senza l’interferenza dei processi che avvengono al livello del suolo.

Luca Angelini